Logo Museo.

Museo di Fisica

Logo Unito.

 » Vacuometro molecolare (0334)

Immagini

Foto: 1
Foto: 2

DESCRIZIONE

Nella misura di basse pressioni (Formula: [\rm 10^{-3} \div 10^{-7} mm<sub>Hg</sub> ]) per le quli il cammino libero medio delle molecole può giungere fino a parecchi metri, gli apparecchi di misura devono necessariamente fondarsi sulla teoria cinetica dei gas. Per questo gli strumenti costruiti a questo scopo si chiamano "molecolari".
Esistono vacuometri molecolari di diversi tipi: sfruttano in genere fenomeni di attrito e il fatto che l'attrito dipende dal numero di molecole presenti per unità di volume, e quindi dalla pressione residua. Alcuni vacuometri sono basati sullo smorzamento di una fibra di quarzo oscillante o di un equipaggio oscillante sospeso a una fibra di torsione, altri sono basati sulla conducibilità termica e altri ancora sulla conducibilità elettrica. I vacuometri molecolari a ionizzazione sono invece basati sul fatto che, ionizzando un gas, il numero di ioni positivi prodotti dipende dal numero di molecole per unità di volume, e quindi dalla pressione.
Questo vacuometro, inventato dal fisico tedesco Wolfgang Gaede (1878–1945), è basato su tecniche radiometriche ed è in grado di misurare pressioni da Formula: [\rm 10^{-1} \div 10^{-4} mm<sub>Hg</sub> ]).

OSSERVAZIONI

Lo strumento era inventariato come "Vacuometro molecolare di Gaede con equipaggio e accessori": gli accessori non ci sono più. E' stato acquistato dalla ditta Borletto & C. ed è costato Lire 3750.

ISCRIZIONI

  1. E.Leybold Nachfolder A.G. / Koln

BIBLIOGRAFIA

  • [1] E. Perucca - Fisica Generale e Sperimentale - Volume I - Unione Tipografico-Editrice - Torino

Dati Catalografici

Data di costruzione:---
Data di carico:1938-05-05
Nr. Inventario:4872 (Generale dal 1874)
Costruttore:Leybold's Nachfolger A.G.
Materiale:metallo, verniciato, bakelite, vetro
Dimensioni:37 cm x 24 cm x 17 cm
Conservazione:buono